Questo sito richiede di avere JavaScript abilitato.

Fratture e distorsioni della mano

Fratture e distorsioni della mano

FRATTURE E DISTORSIONI DELLE DITA

La maggior parte delle fratture chiuse della mano può essere trattata in modo conservativo. Cio’è possono consolidare dopo un trattamento con stecche o apparecchi gessati (1) ottenendo dei buoni risultati funzionali.

1

1

Solamente fratture molto instabili e scomposte e fratture con interessamento articolare dovrebbero essere operate. Le modalità di fissazione vanno dai semplici fili di acciaio (fili di Kirschner) ai fissatori esterni(2-5) fino alla osteosintesi con placca e viti(6-7).

Lo svantaggi di un trattamento conservativo può essere un periodo di immobilizzazione prolungato. Gli svantaggi di un trattamento chirurgico sono un aumentato rischio infettivo, il pericolo di aderenze tra i tendini e l’osso sottostante e la sovente neccessità di dover rimuovere i mezzi di sintesi.

L’indicazione per un trattamento conservativo oppure chirurgico dipende dal tipo di frattura e dalle esigenze del paziente.

 

Lesioni legamentose delle dita

La maggior parte delle lesioni legamentose delle dita può essere trattata conservativamente. Si cerca di mobilizzare le articolazioni del dito infortunato al più presto possibile. Dei splint o bendaggi particolari proteggono il legamento leso.

Il „pollice dello sciatore“:  Lo sciatore cadendo subisce un trauma distorsivo del pollice da parte del bastone e il legamento collaterale ulnare della articolazione metacarpo-falangea viene avulso. Il moncone del legamento può essere spostato dietro la cuffia estensoria. In tal caso è neccessario un intervento chirurgico: Il legamento avulso viene reinserito all’osso(8-11). Se questo viene omesso l’articolazione diventa instabile. Il paziente non riesce più bene ad afferrare dei oggetti grandi: Bottiglie gli cadono dalle mani. Perchè col tempo il moncone del legamento si accorcia e si ipotrofizza non può essere più utilizzato. Va sostituito con un tendine. Normalmente si utilizza il tendine del muscolo palmare gracile il cui prelievo non altera la funzione della mano(12-14).